TORNO SUBITO / POESIE

lorena ulpiani«Quelle riunite in questa raccolta sono poesie che sembrano nascere da “momenti emozionali”, attimi in cui – come in una epifania – si rivela un pensiero, un sentimento, l’essenza di un sentito che improvvisamente si fa chiaro ed esce dal nebuloso costituito da elementi non necessari. Queste poesie hanno l’essenzialità di una forma perfetta che, nella sua rassicurante precisione, rivela un cuore pulsante concettuale, che rischiara un senso più profondo»

PREFAZIONE
Dentro un velo di ghiaccio o nelle viscere del fuoco riposo, annullando ...leggi tutto >>

«Dentro un velo di ghiaccio
o nelle viscere del fuoco
riposo, annullando ogni tempo
libera in quel Tutto, io sono»

Se si ripercorrono le tappe professionali e artistiche che
hanno portato Lorena Ulpiani ad approcciarsi alla poesia,
si riscontra un percorso fatto di creatività, in ciascuna scel-
ta, quasi che la poesia sia il naturale (come inevitabile) pas-
so successivo cui arrivare per una più autentica espressione
di sé.
[…]Dondoli sospesa e cedi alla tenerezza
un gesto ampio, lento, circolare
le dita si aprono a cercare il sogno,
qualcuno che forse non c’è mai stato

[…] (soglie)

Viene da pensare a un’esistenza eclettica e “piena”, in-
capace di rimanere stagnante in un confine limitato e limi-
tante, la necessità di un respiro continuo che sia di un’aria
sempre intensa, stimolante, nuova.
L’audacia sembra essere la parola chiave, quella forza
capace di superare dubbi ed esitazione per lanciarsi alla
scoperta dell’ignoto, di un mondo che è luogo vergine, poi-
ché tutto da scoprire con gli occhi e i sensi dell’autrice.
[…]ti volti e ti vedo destino
e dopo più nulla, solo luce
Per un istante la vita
ci ha permesso di lasciare
questo presente, l’adesso
per ricongiungerci
a ciò che siamo stati
e torneremo a essere,
nel respiro dell’universo
(destino)

Quelle riunite in questa raccolta sono poesie che sembra-
no nascere da “momenti emozionali”, attimi in cui – come
in una epifania – si rivela un pensiero, un sentimento, l’es-
senza di un sentito che improvvisamente si fa chiaro ed esce
dal nebuloso costituito da elementi non necessari.
Queste poesie hanno l’essenzialità di una forma perfetta
che, nella sua rassicurante precisione, rivela un cuore pul-
sante concettuale, che rischiara un senso più profondo.

[…]Accogli e lascia andare
libera la forza. E sia
anche quando è pianto
Accarezza la fragilità
potenza scalza, dono
amare non è possedere[…](accogli)

Sembra quasi che ogni poesia sia vissuta esternamente,
come se – dopo averla realizzata intensamente “da dentro”
– improvvisamente fosse giunta la chiarezza per esternaliz-
zarla, farla uscire da un angolo profondo in cui si è gene-
rata. Ed ecco allora che ogni poesia si fa da particolare perso-
nale a umanamente condivisibile: l’esperienza dell’autrice
può diventare esperienza del lettore, l’osservatore esterno
diventa occhio interno.
[…]Se mai sarà, il tuo venire
lo voglio parola, intenzione
pezzo di vita, dono di te
finalmente liberi, insieme
in un tempo possibile

(non è così)

Per questo la figura che spesso ricorre – quella di una
donna appena accennata come presenza fisica eppure così
connotata nelle sue sfumature personali – si fa quasi totem,
elemento ancestrale portatore di un messaggio, fortemente
rappresentativo, spesso risposta ad una domanda ancora da
porre.

Risveglio dolce
pensieri adagiati
nel tuo respiro
Le voci danzano,
memorie lente
cantate alla notte
Lo hai promesso
un giorno saprò

[…](promesso)

Questa prima raccolta poetica di Lorena Ulpiani si mani-
festa con bellissimi spunti riflessivi che nascono a volte da
un’esitazione, un dubbio, un’emozione, tutti capaci però –
nella scelta consapevole della parola in versi quasi minima-
listi, tocchi leggeri – di dare al lettore una nota di partenza
per un pensiero più articolato e piacevolmente sorprenden-
te.

Pamela Michelis

EU“torno subito” potrà essere acquistata nella versione cartacea nelle librerie in elenco (Messaggerie Libri) a partire da agosto; sarà disponibile nei bookstore online (IBS, Amazon ecc);
in versione audiobook con lettura di 4 poesie, sarà accessibile tramite un apposito QR Code inserito in quarta di copertina.
Sarà presente alla Fiera Nazionale di Roma; alle fiere internazionali del libro di Torino, Francoforte e di Londra.
Nelle prossime settimane verrà data comunicazione del calendario di presentazioni radio e tv, oltre a quello delle letture con l’autrice.
https://www.edizionieuropa.it

IL LIBRO PUOI TROVARLO PRESSO QUESTE LIBRERIE 

noi

Abbandono al desiderio
che riverbera candore
tutto torna possibile
anche amare ancora
Ti cerco nella follia del gioco
incoscienti e complici, noi
ci schianteremo un giorno
su fantasie diventate pietra
Occorre coraggio per esistere
più che per sopravvivere
libero, devi ascoltarti dentro
e se sarà, troverai le parole,
dono di te oltre la paura

sospiro

Sospiro di un’illusione
che brucia innocenza
immersa nei cristalli argento
di nuvole che vestono la luna
Anelli concentrici di sogni
perdono fantasie diventate gelo,
frantumano echi di parole forti
regine di un silenzio alieno
Fisso la notte, vuoto intrigante
non c’è futuro, non per noi,
scivolo lenta in quella grotta
dove la Sibilla ritorna canto

fragilità

Voli senza memoria,
stringendo quella tenerezza
che sorride da altri occhi
sopravvissuta al tuo dolore
Notti scivolate nel sole
rischiarate dall’innocenza,
incantesimo di un cuore
in prestito da un’altra vita
Esasperi e fuggi, oggi come allora
fragile, nel non saper guardare
il tuo sogno battersi alla luce
eppure, proprio questo ti chiede

tacere

Consumo autostrada
inseguendo un pallore,
emanazione d’aurora
nel desiderio di te
Fiamma disgiunta
Tace la ragione
nell’unica scelta
di cui siamo capaci
L’assenza è armonia,
scorrere di futuro
vibrare di coscienza
senza più domande

Kundalini

Dolcezza di un sentimento
caduto nel deserto,
miraggio perduto
da un sogno bambino
Risveglio di Kundalini
sorridi dai 108 specchi
del tuo eterno presente,
esisti, libera oltre i maya
Nei vortici d’oro, è sabbia
in quell’oasi dormiente
che nel tuo canto genera vita
e il desiderio diventa amore

incredula

Morta in due lettere
travolta da un sì
che andava di fretta
Ti scopri di peso
con l’anima in mano,
pudore che brucia
Parole preziose, violate
graffiano sui nervi scoperti,
pegno alla cecità della notte
Incredula, ti cerchi in quel nulla
non hai rancore, solo vuoto,
potresti fermarti ma non lo farai

Pin It on Pinterest

Share This
error: © 2016 Lorena Ulpiani - Tutti i diritti riservati